malattie dei cincillà

Malattie dei cincillà

Per prendersi cura al meglio di un cincillà è utile riconoscere prontamente tutti i sintomi delle malattie che possono affliggere i nostri cari amici pelosetti.

Ecco di seguito le patologie più diffuse nei cincillà:

In questo articolo parleremo brevemente di tutte queste malattie di cui puoi trovare anche appositi approfondimenti all’interno del nostro sito.

Micosi

Il cincillà è un animale molto delicato dal punto di vista intestinale e va allevato in modo tale da ridurre al minimo i suoi livelli di stress.

Un’alimentazione sbilanciata e troppo stress possono provocare delle micosi. Se notate la comparsa di chiazze e vi accertate che si tratta di micosi allora la cosa migliore è intervenire utilizzando un gel a base di erbe. Nel nostro shop trovi il gel Apagel che è utilissimo proprio in questi casi. Noi lo usiamo da anni nel nostro allevamento.

Tricofagia

La tricofagia è un disturbo che porta il cincillà a rosicchiare il suo pelo e quello di altri cincillà. Può essere risolto con un’alimentazione più equilibrata, prevedendo il giusto apporto di proteine e facendo attenzione all’ambiente ed alla struttura delle gabbie in cui vive l’animale.

Ad oggi acquistare un cucciolo predisposto ad essere tricofago è molto raro perché gli allevatori da anni cercano di non far riprodurre gli esemplari affetti da questa problematica, così da evitarne la trasmissione ai cuccioli.

Diarrea

Se il cincillà ha la diarrea significa che è necessario riformare la flora batterica intestinale. In questi casi va somministrata acqua perché l’animale ne ha bisogno. Noi abbiamo notato che facendo attenzione all’alimentazione del cincillà, dando fieno a volontà e sospendendo la somministrazione di pellet si notano forti miglioramenti.

Per l’impiego di probiotici il consiglio è sempre di consultare un veterinario. Spesso la causa può essere rinvenuta nella bottiglietta dell’acqua sporca che non viene lavata adeguatamente e che favorisce la comparsa di batteri. Gli allevatori più esperti consigliano sempre di bollire l’acqua prima di somministrarla, proprio per abbattere questi batteri.

Enterite

L’enterite è una malattia dei cincillà che può colpire cuccioli ed adulti e che interessa l’intestino. Spesso è causa dalla carenza di fibre oppure dal consumo di fibre facilmente digeribili. Le conseguenze possono essere diarrea acuta, molta sete e digrignamento dei denti.

Giardiasi

La giardiasi è un’altra malattia intestinale del cincillà che causa perdita di peso ed in generale un peggioramento delle condizioni di salute dell’animale. La comparsa di questa malattia si può notare per la presenza di feci molli o particolarmente liquide.

Listeriosi

La listeriosi è probabilmente la malattia con il più alto tasso di mortalità nei cincillà cuccioli ed adulti. Si tratta di un’infezione batterica che gli animali contraggono per via aerea.

Il mezzo più comune di trasmissione sono le feci quindi è una malattia che crea grandi problemi soprattutto all’interno di allevamenti o gabbie in cui coabitano più cincillà.

Tra le conseguenze principali della listeriosi ci sono perdita di peso, inappetenza diarrea, costipazione e prolasso del retto in alcuni casi. Il modo migliore per prevenire l’insorgere di questa malattia sono una corretta igiene delle gabbie, di sabbia e dell’acqua. La cura principale è quella antibiotica.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Carrello
Torna su